Cronaca
  Economia
  Cultura
  Spettacolo
  Sport
  Notizie dagli Enti
  Notizie dalle Istituzioni
  Quotidiani Italiani
  Politica
  Ambiente e Territorio
  Tecnologia
  Medicina
  Comunicati Stampa
  Lavoro
  Unione Europea
  AGR NEWS
  Elezioni Europee
  Elezioni Regionali
  TV
  WORLD NEWS - Video
  Elezioni Amministrative 2006
  AGRTV LIVE 1
  AGRTV LIVE
  AGR RADIO
  Eventi
  AGRTV
 
  5a Festa della Creatività

  Forio d'Ischia: concluso il IX concorso di Poesia e il V concorso di Fotografia

  Mare libero o a pagamento

  Giovani Solidali si è avviato alla conclusione del suo primo anno di vita

  TG Online del 02 Gennaio 2007

  Maratona di Ostia 2006

  TG Online del 20 Dicembre 2006

  TG Online del 19 Dicembre 2006

  TG Online del 18 Dicembre 2006

  TG Online del 17 Dicembre 2006

TUTTI I VIDEO
Il Sistema Radiotelevisivo Italiano
Tra lobby e TV spazzatura
 
Sezione: Cultura 03/07/2008

Il sistema Radiotelevisivo attuale non garantisce l’accesso a nuovi soggetti concessionari o fornitori di contenuti, di fatto e’ congelato al 1990, alla famosa legge Mammì.

Quanto si e’ verificato in questi anni non è altro che la concentrazione delle risorse radioelettriche in mano a pochi editori.

 Basti pensare che di ciò che è avvenuto 17 anni fa non vi è più traccia: le tv private, le radio libere, quelle nate dalla passione dei ragazzi degli anni 70-80, sono state tutte fagocitate dai grandi gruppi editoriali e tutte le leggi che si sono succedute, dalla mitica 223/90, non hanno fatto altro che accentrare i mezzi in mano di pochi.

 

Il tutto rientra nella  beffa al cittadino dove oltre a pagare il canone TV, dalle tasse che versa vengono sottratti, si intende per legge, centinaia e centinaia di milioni di euro che rientrano nelle tasche di quei spregiudicati editori per la loro attività di informazione ( SIC…) con rimborsi e  sgravi sulle utenze. Chi ha più canali, più prende.      

 

Non è un caso quello che è accaduto ad AGRTV, piccola tv comunitaria, che si è vista chiudere con motivazioni surrettizie, senza alcuna attività di compatibilizzazione o di soluzioni alternative dall’Ispettorato di Roma, diretto dall’Ing. Giuseppe Mele. Alla faccia della democrazia.

 

Ebbene, se vogliamo che la democrazia non sia un concetto astratto e l’art. 21 della Costituzione non resti lettera morta è indispensabile che l’Organo Centrale del Ministero delle Comunicazioni, nella pienezza del suo ruolo, faccia sollecitamente le necessarie verifiche sull’operato dell’Ispettorato Territoriale del Lazio per evitare che, con la complicità di alcuni funzionari compiacenti, certi editori allarghino ulteriormente il proprio bacino di trasmissione a discapito di altri che, anche con scarsità di mezzi e di finanziamenti, compiono un’opera sociale riconosciuta nel territorio.

Sarebbe opportuno che, prima del 2012, il Ministero delle Comunicazioni ribilanciasse il sistema con un’equa ripartizione delle frequenze tramite il digitale terrestre.

Oggi chi detiene il canale, e l’unico programma trasmesso, è anche il proprietario dello stesso.

 

Con l’entrata a regime nel 2012 del digitale si dovrà lasciare disponibile il 50% dello spazio del multiplex ad altri editori e dovrà essere il Ministero ad assegnare il multiplex su quale l’editore dovrà accedere, evitando collegamenti con il proprietario del multiplex.

 

Tutto questo non può attendere il 2012. Cinque anni sono troppi per le aziende radiotelevisive che hanno già investito nella tecnologia digitale e sono in attesa di uno spazio nel multiplex di qualche editore altruista: il Ministero deve provvedere fin da subito ad accelerare la digitalizzazione degli impianti, favorendo l’accesso a nuovi editori e, soprattutto, controllando che non siano i vecchi a riciclarsi con società di comodo.

 

Occorre definire subito la piattaforma digitale: aspettare il 2012 significherebbe dare un vantaggio sproporzionato a soluzioni diverse, quali quelle proposte dai gestori telefonici, permettendo loro di inserirsi, in maniera impropria, sia nel sistema radiotelevisivo sia su piattaforme parallele per servizi interattivi, rendendo l’attuale tecnologia del digitale terrestre obsoleta prima della suo pieno utilizzo.

 

Questo continuo posticipare il passaggio dall’analogico al digitale non farà che danneggiare ulteriormente gli attuali ed i futuri operatori, costretti a “sperimentare”, con costi vivi, una piattaforma che sarà superata fra breve.

 

Dobbiamo prendere ad esempio la Valle d’Aosta e la Sardegna dove già si trasmette in digitale permettendo agli utenti di avere più offerta e  più servizi a disposizione.

 

Quindi il 2012 deve essere considerato come data ultima per spegnere l’ultimo impianto analogico: l’Amministrazione dovrà svolgere un importante ruolo di stimolo, al fine di accelerare i tempi di attuazione; superando le resistenze degli attuali utilizzatori analogici e dei rispettivi rappresentanti, di quelle associazioni di parte non sono interessate al cambiamento perché ritengono il digitale il grimaldello per scardinare la lobby dell’accesso al mondo delle telecomunicazioni.

 

Per l’interesse di pochi si danneggiano tanti editori che ancora hanno tanta voglia di fare e che oggi sono al palo.

 

Se veramente si vuole trasformare il sistema, modernizzandolo, è oggi che si deve intervenire, domani sarà troppo tardi.

Paolo Gentiloni Ex. Ministro delle Comunicazioni

Autore: AGR: Redazione

 

Login
Password
 
Solo gli utenti registrati possono accedere all'Area Riservata e pubblicare in tempo reale notizie e informazioni direttamente on line.
Vai alla Pagina di Registrazione per maggiori informazioni
   
   Notizie Locali
   Notizie Nazionali
   Notizie Nel Mondo
 

In questa sezione del portale le notizie regionali inviate dai
corrispondenti "AGR" presenti sul territorio.
 
| Home Page | Chi Siamo | Ricerca | Registrazione | Contatti | Credits |
Copyright 1999 © AGR TV