Roma, 36enne denuncia il nutrizionista per violenza sessuale, era in cura per una dieta, sospeso il medico

La denuncia di una 36enne ha permesso di appurare che la 36enne, sin dalla sua prima visita presso lo studio medico del professionista, aveva notato una condotta dello stesso inappropriata in quanto le era stato chiesto di togliere il reggiseno nonostante fosse insolito per il tipo di visita.

printDi :: 23 febbraio 2024 13:18
Roma, 36enne denuncia il nutrizionista per violenza sessuale, era in cura  per una dieta, sospeso il medico

(AGR) Gli agenti della Polizia di Stato del III Distretto Fidene Serpentara, al termine di una delicata indagine, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura interdittiva, emessa dal Tribunale di Roma, nei confronti di un medico nutrizionista, 59enne, poiché gravemente indiziato del delitto di violenza sessuale reiterata durante le visite ’specialistiche’ nei confronti di una donna di 36 anni.

Il provvedimento in argomento è stato emesso al termine di una serrata e tempestiva attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, a seguito della denuncia presentata dalla donna negli uffici di polizia, che ha permesso di raccogliere a carico dell’indagato gravi indizi di colpevolezza per il reato di violenza sessuale.

La denuncia, corroborata dall’attività di escussione testimoniale successivamente realizzata e dalle analisi dei file audio-video acquisiti, ha permesso di appurare che la 36enne, sin dalla sua prima visita presso lo studio medico del professionista, aveva notato una condotta dello stesso inappropriata in quanto le era stato chiesto di togliere il reggiseno nonostante fosse insolito per il tipo di visita.

Le successive visite effettuate dalla donna con il medico si sono fatte sempre più ossessive sino a ricevere baci e dei veri e propri palpeggiamenti nelle parti intime.

Considerato quindi gli atteggiamenti posti in essere dal professionista, non necessari ai fini della visita richiesta ma, addirittura con l’intento libidinoso al termine delle indagini, l’uomo una volta identificato è stato successivamente, tramite misura interdittiva da parte dell’Autorità Giudiziaria, sospeso dall’esercizio delle sue funzioni.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE