Roma, l'impegno della polizia penitenziaria contro la mafia, un convegno per ricordare tutte le vittime

Convegno commemorativo dell'ANPP Roma in onore del giudice Giovanni Falcone, degli uomini della scorta e del brigadiere della Penitenziaria Pasquale di Lorenzo ucciso nel quadro della strategia terroristica della mafia nei confronti della Polizia Penitenziaria, per l’entrata in vigore del 41 bis

printDi :: 19 maggio 2024 19:28
Roma, l'impegno della polizia penitenziaria contro la mafia, un convegno per ricordare tutte le vittime

(AGR) Lunedì 20 maggio 2024 alle ore 10,00 in via di Brava 99 a Roma presso la scuola di formazione “Giovanni Falcone” avrà luogo un convegno di studio, la terza edizione di: "Uomini in divisa, oneri o risorse per la comunità?" con il quale si vuole sopratutto commemorare le vittime di Mafia. L’iniziativa fortemente voluta dall’Associazione Nazionale Polizia Penitenziaria sezione di Roma vede coinvolti i sindacati maggiormente rappresentativi della Polizia Penitenziaria (SAPPE) e della Polizia di Stato (SAP), prevede la partecipazione di oltre 300 studenti provenienti da diverse Regioni d’Italia.

Il progetto mira a diffondere tra i giovani di ogni età la cultura del rispetto delle istituzioni e la sensibilizzazione alla commemorazione dei caduti in servizio nel contrasto alla mafia. Il Comune di Galluccio, che ha colto l’invito dell’Anppe Roma, oltre ad aver patrocinato l’iniziativa, insieme al Comune di Fiumicino, si recherà con una sua rappresentanza a Roma insieme a circa 100 studenti delle scuole medie per onorare non solo la memoria del giudice Giovanni Falcone, e della scorta (Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo Antonio Montinaro),ma soprattutto per diffondere nei giovani cittadini della provincia di Caserta il senso d’appartenenza ad una comunità che diede i natali al concittadino Pasquale Di Lorenzo brigadiere della Polizia Penitenziaria ucciso barbaramente dalla mafia nel 1992.

Le altre scolaresche che parteciperanno all’iniziativa sono la scuola Baffi di Fiumicino e gli alunni di Riano Flaminio. L’iniziativa si svolgerà alla presenza di diverse cariche istituzionali che si susseguiranno sul palco portando i loro saluti agli studenti e ai partecipanti, saranno presenti: il sottosegretario al Ministero del lavoro e Politiche Sociali Sen. Claudio Durigon, il Consigliere del Vicepresidente del Consiglio dei ministri Matteo Salvini on. Le Davide Bordoni, il Direttore del Gruppo Operativo Mobile Augusto Zaccariello, il Comandante del Nucleo investigativo Centrale Ezio Giacalone, il Segretario Generale del Sappe Polizia Penitenziaria Dott. Donato Capece,

il Segretario aggiunto del Sap Polizia di Stato On. Le Gianni Tonelli. Saranno presenti altresì: il Sindaco di Galluccio Dott. Giacomo Lepore l’assessore alle politiche sociali del Comune di Fiumicino Monica Picca, l’Associazione Nazionale Magistrati rappresentata dal dott. Giacomo Ebner , il consigliere di Roma Capitale Maurizio Politi, il Cons. del IX Municipio Piero Cucunato. In rappresentanza del Questore di Roma il I Dirigente di Polizia di Stato Dott. Germani F. , per l’ Arma dei Carabinieri il Gen. Di Brigata De Santi Emanuele per la Guardia di Finanza il Maresciallo Mangiapelo , per le Autorità della Nato il delegato agli affari esteri dell’ambasciata Argentina Dott. Luppino Ajeandro e le rappresentanze di tutti i corpi di Polizia e delle forze Armate con le rispettive associazioni di categoria.

All’iniziativa sono state invitate anche le associazioni di volontariato e protezione civile.

Dott. Luigi Zaccaria resp. Organizzativo e vice Presidente dell’Associazione Polizia Penitenziaria: “Sono tre anni che svolgiamo questa iniziativa, il nostro obbiettivo e di far crescere e diffondere tra i più giovani la cultura della legalità e dell’appartenenza, ma soprattutto di indicare alle future generazioni il percorso da tracciare per ispirarsi alle parole che ci ha lasciato in dote il Giudice Giovanni Falcone :“ la mafia e un fenomeno sociale momentaneo e come tale ha un inizio ed una fine”.

A tal proposito tutti gli uomini in divisa sono convinti che per estirpare un fenomeno sociale così ramificato in determinate Regioni d’Italia bisogna ripartire dai giovani studenti, educandoli alla legalità e al rispetto delle istituzioni. La Polizia non vuole dimenticare le vittime di mafia e vuole ridare dignità a quanti, a volte, vengono dimenticati con troppo facilità e per questo motivo accanto alla figura di Giovanni Falcone domani sarà ricordato anche il collega della polizia penitenziaria Pasquale De Lorenzo. L’ANPPE, infatti, – conclude Zaccaria – per il futuro si impegna a promuovere tutte quelle iniziative che mirano a rendere giustizia e ad onorare gli uomini che nell’esercizio del loro dovere hanno dato la loro vita per il paese ….

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE