Giornata della memoria, studenti in videoconferenza alla presentazione del libro: Storia di Sergio

L'assessore alla scuola del comune di Fiumicino Paolo Calicchio: oggi e domani gli studenti potranno assistere alla presentazione del libro "Storia di Sergio" ed alle iniziative in programma a partire dal prossimo 27 gennaio sul territorio

printDi :: 25 gennaio 2021 16:04
Giornata della memoria, studenti in videoconferenza alla presentazione del libro: Storia di Sergio

(AGR) "Grazie alla collaborazione instaurata con l'Aned, Associazione Nazionale ex Deportati nei Campi Nazisti, i nostri studenti hanno potuto assistere oggi, in videoconferenza, alla presentazione del libro "Storia di Sergio", con una toccante intervista al fratello Mario De Simone”. Lo dichiara l'Assessore alla Scuola, Paolo Calicchio.“L'iniziativa, propedeutica alla Giornata della Memoria, è stata patrocinata dall'Assessorato alla Scuola – spiega -. A partire dal prossimo 27 gennaio, Giorno della Memoria in cui illustreremo le iniziative che il Comune sta organizzando sul tema, promuoveremo anche l'ottava edizione del Progetto Memoria, per l'anno scolastico 2020/2021”.

“Ringrazio l'Aned – prosegue Calicchio - per aver promosso, oggi, questa importante iniziativa che ha permesso ai nostri studenti di ascoltare la suggestiva testimonianza di Mario De Simone, fratello di Sergio, il bambino ebreo che nel 1944, a sei anni, fu rinchiuso con le cugine, Andra e Tatiana Bucci, ad Auschwitz e da prigioniero morì ad Amburgo a causa di crudeli sperimentazioni mediche. L'Associazione domani ha in programma un'ulteriore iniziativa con le testimonianze di sei deportati, tra cui la senatrice Liliana Segre. Per chi volesse assistere all'evento può collegarsi alla pagina Facebook dell'Aned-Roma”.

Il libro: Storia di sergio. Sergio ha sei anni quando un giorno la sua vita cambia per sempre. La Seconda guerra mondiale è in corso, suo padre è stato fatto prigioniero e lui e la mamma decidono di trasferirsi da Napoli a Fiume per stare insieme alla nonna, agli zii e alle cugine Andra e Tati. Lì credono di essere più al sicuro, invece una notte arrivano i rastrellamenti e vengono portati via. Inizia così il viaggio che condurrà Sergio a separarsi dalla sua famiglia e a vivere una vita completamente nuova nei campi di concentramento di Auschwitz Birkenau e Neuengamme. In entrambi questi campi esistono dei kinderblok, baracche in cui vengono alloggiati i bambini che verranno usati per gli esperimenti medici dei nazisti. Sergio è uno di loro, ma è anche un bambino coraggioso che non si perde mai d’animo. Sua madre gli ha trasmesso un irrimediabile ottimismo che lo sostiene anche nei momenti più difficili. Il suo unico obiettivo adesso è ricongiungersi a lei e per questo farebbe qualsiasi cosa…

Photo gallery

collegamenti aned

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE