Sant'Egidio, sempre più persone in povertà assoluta

Distribuiti 250mila pacchi alimentari nel solo 2023. Aprono nuovi centri e cresce il numero di pasti offerti, oltre 320mila. Cohousing per mille persone in emergenza abitativa.Sino al 26 dicembre la campagna solidale “A Natale aggiungi un posto a tavola” numero solidale 45586

printDi :: 08 dicembre 2023 09:59
Sant'Egidio, sempre più persone in povertà assoluta

(AGR) Per un numero sempre maggiore di persone far quadrare i conti è un problema quotidiano, mentre chi vive in condizione di fragilità fatica ad arrivare a fine mese e cresce il numero di quanti sono costretti a chiedere aiuto. A pesare sono l’inflazione alle stelle e i beni di consumo sempre più costosi, la crisi energetica e il caro-bollette, gli stipendi al palo. A delineare il quadro è la Comunità di Sant’Egidio, che dal 1968 affianca le persone bisognose in Italia e in 70 Paesi del mondo, assistendo chi vive in povertà e ai margini. Per rispondere alla crescita della povertà, Sant’Egidio negli ultimi anni ha moltiplicato il suo impegno, aumentando la distribuzione di cibo e accogliendo un numero sempre maggiore di persone.

Due, in particolare, le proposte di Sant’Egidio alle istituzioni, incentrate sul destinare parte dei fondi per la preparazione del Giubileo al sostegno delle famiglie in povertà assoluta: creare un fondo di sostegno alle locazioni, visto che quello per il contributo agli affitti e per la morosità incolpevole non è stato più finanziato; sfruttare l’enorme patrimonio immobiliare non occupato concordando con i proprietari immobiliari affitti calmierati (e sostenuti da un apposito fondo) a chi ne ha diritto.

«Realizzare questi due obiettivi sarebbe un atto di giustizia e un vantaggio per l’intera collettività, segno di un’Italia che non lascia indietro nessuno. Del resto, la pandemia ci ha insegnato che nessuno si salva da solo», ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. «Il Giubileo - che riprende l’idea sabbatica di una redistribuzione dei beni e, più in generale, delle ricchezze prodotte - può essere il momento adatto per una “restituzione” a chi ha più bisogno. Un’operazione da fare in modo intelligente, con una cabina di regia tra governo, Regioni, Comuni e società civile, perché si possa ripartire insieme senza dimenticarsi di nessuno», ha concluso.

LA POVERTÀ AUMENTA, GLI STIPENDI NON BASTANO PIÙ

 Secondo l’Istat, oltre 5,6 milioni di persone vivono in povertà assoluta, di cui 1,3 milioni sono bambine e bambini. Il numero di individui in povertà assoluta è aumentato nel giro di un anno, arrivando al 9,7% nel 2022 dal 9,1% dell’anno precedente, in gran parte a causa dell’inflazione e dei suoi effetti. L’impatto maggiore è sulle famiglie più povere e su quelle con un alto numero di componenti, con l’incidenza della povertà assoluta che arriva addirittura al 22,3% per quelle con tre o più figli minori. Il dato cresce anche per i nuclei con almeno una persona anziana (da 5,8% a 6,5%). A preoccupare sono anche la crescita degli sfratti, con 99mila richieste di esecuzione – numero triplicato rispetto al 2021 – e la povertà sanitaria, fenomeno emerso con la pandemia e accentuatosi nell’ultimo biennio e che porta 2 milioni di italiani a rimandare le cure e 4 milioni a indebitarsi per effettuarle.

PER RISPONDERE ALLE RICHIESTE DI AIUTO, SEMPRE PIÙ SOLIDARIETÀ

Quest’anno, segnato dalle conseguenze economiche e sociali delle troppe guerre in corso, dall’Ucraina alla Terra Santa, Sant’Egidio ha aumentato le sue attività a sostegno di persone fragili e vulnerabili. I suoi servizi di aiuto hanno raggiunto 40mila persone, di cui 20mila nella sola Roma. I pacchi alimentari distribuiti dall’inizio del 2023 sono 250mila, di cui 120mila nella sola Roma. Per rispondere ai crescenti bisogni, la Comunità ha anche aumentato il numero dei centri di distribuzione alimentare nelle 35 città in cui sono aperti i suoi centri, dal Sud al Nord, senza contare i Comuni minori in cui raggiunge persone e famiglie in stato di necessità. A Roma i luoghi di distribuzione, chiamati Case dell’Amicizia perché oltre all’aiuto concreto forniscono anche ascolto e informazioni, sono passati dai tre iniziali a 28, a Genova da quattro a 10. A raccontare la difficile situazione sono anche i 120mila pasti serviti quest’anno nelle mense di Roma, Genova, Novara, Frosinone e Lucca: il doppio rispetto agli anni pre-pandemia. Inoltre, sono stati 200mila i pasti distribuiti in un anno nelle cene itineranti in tante città, da Padova a Catania, da Torino a Napoli. Oltre 60mila i capi di abbigliamento donati a chi aveva bisogno. Sant’Egidio ha aiutato anche molte persone senza dimora, anziane o con disabilità che hanno chiesto aiuto: solo a Roma, oltre mille persone hanno usufruito delle convivenze avviate negli anni recenti.

“A NATALE AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA”: INSIEME PER NON LASCIARE INDIETRO NESSUNO

 Le attività di Sant’Egidio per non lasciare indietro nessuno comprendono anche la campagna solidale “A Natale aggiungi un posto a tavola”, grazie alla collaborazione delle compagnie telefoniche, di Rai, Mediaset, Sky, La7 e al sostegno di tanti, a cominciare dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio. Per regalare alle persone più fragili un pranzo degno del 25 dicembre, con un pasto abbondante, un dono e il calore di una casa, tutti possono contribuire, inviando un sms o chiamando da rete fissa il numero 45586, fino al 26 dicembre. Era il Natale 1982 quando, per la prima volta, alcuni poveri furono accolti nella basilica di Santa Maria in Trastevere. Da allora, il banchetto si è allargato e ogni anno coinvolge circa 80mila persone in Italia e 250mila nel mondo. Diversi sono i luoghi dove si apparecchia il pranzo: chiese, case, scuole, ma anche istituti per anziani, carceri e ospedali. A consentire la capillare attività di Sant’Egidio sono le migliaia di volontarie e di volontari, giovani e non, che ogni giorno si dedicano alle persone più fragili.

“DOVE MANGIARE, DORMIRE, LAVARSI”: LA NUOVA EDIZIONE DELLA “GUIDA MICHELIN” PER CHI VIVE IN STRADA.

La guida ‘DOVE mangiare, dormire lavarsi’, che viene presentata e distribuita nella sua 34esima edizione, è un compendio per orientarsi nel mondo della solidarietà, rivolto alle persone senza casa o che abbiano bisogno di aiuto. La guida è pubblicata a Roma, Napoli, Genova, Padova, Milano, in alcune città europee e a Buenos Aires. È distribuita gratuitamente dalla Comunità di Sant’Egidio per aiutare chi è in condizione di bisogno a individuare i servizi sul territorio. In 280 pagine sono elencati strutture e centri a cui rivolgersi per avere assistenza e accoglienza, come mense, dormitori, servizi di distribuzione alimentare, centri di ascolto.

L’IMPEGNO DI SANT’EGIDIO NEI VARI CONTINENTI 

La Comunità di Sant’Egidio è presente in oltre 70 Paesi, con più di 60mila aderenti e una vasta cerchia di simpatizzanti e persone che collaborano. Tra le numerose attività portate avanti ci sono quelle a favore degli anziani in difficoltà e soli; delle persone migranti, con la realizzazione dal 2016 dei corridoi umanitari per i rifugiati; le “scuole della pace” per promuovere la scolarizzazione dei minori in difficoltà e l’educazione alla convivenza; il sostegno ai “bambini di strada” in Africa e in America Latina; la campagna per i diritti dei disabili al lavoro e a una vita pienamente integrata; l’impegno in Africa per la cura e prevenzione dell’Aids e di altre malattie; la campagna per la registrazione anagrafica in Africa; le iniziative per favorire la pace in diverse aree del mondo, dopo che nel 1992, grazie a Sant’Egidio, fu firmato a Roma l’accordo di pace per il Mozambico. Inoltre, la Comunità promuove il dialogo interreligioso per contribuire alla costruzione della pace.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE