L’uragano Manchester United spazza via le illusioni della Roma

La semifinale d’andata della Coppa Europa League

printDi :: 30 aprile 2021 14:06
L’uragano Manchester United spazza via le illusioni della Roma

(AGR) Il tabellino della partita: Manchester United – Roma 6-2                                                                                   

MANCHESTER UNITED (4-2-3-1): de Gea; Wan-Bissaka, Lindelöf, Maguire, Shaw; McTominay, Fred (83' Matic); Rashford (76' Greenwood), Bruno Fernandes (89' Mata), Pogba; Cavani. A disposizione: Henderson, Grant, Bailly, Diallo, James, Telles, Williams, van de Beek, Tuanzebe. Allenatore: Solskjaer.                                                                       

ROMA (3-4-2-1): Pau Lopez (28' Mirante); Smalling, Cristante, Ibanez; Karsdorp, Diawara, Veretout (5' Villar), Spinazzola (37' Bruno Peres); Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko. A disposizione: Fuzato, Kumbulla, Santon, Darboe, Ciervo, Carles Perez, Mayoral. Allenatore: Fonseca.                                                                                                                       ARBITRO: Del Cerro Grande (Spa).                                                                                                                  MARCATORI: 9' Bruno Fernandes (M), 15' su rig.Pellegrini (R), 33' Dzeko (R), 48' e 64' Cavani (M), 71' rig.Bruno Fernandes (M), 75' Pogba (M), 86' Greenwood (M). AMMONITI: Pogba (M); Villar, Smalling (R). Recupero: 5' pt, 2' st.

Diciamoci la verità, sul due a uno per la Roma ci avevamo creduto un po’ tutti. Il risultato clamoroso non era più un miraggio, però c’erano ancora quarantacinque minuti e passa da star lì a soffrire. Ora, con la storia del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, in molti avranno pensato che nella ripresa sarebbe bastato gestire al meglio, magari buttando tutti i palloni in tribuna, e chissenefrega del calcio spettacolo, e poi sbarcare a Fiumicino a notte fonda, magari dopo una bella magnata, o di prima mattina, dopo il sonno ristoratore, accolti dal solito, sparuto gruppo di tifosi, che quelli non mancano mai – Roma, Roma, Roma a squarciagola eccetera –, da facchini, hostess, impiegati e da passeggeri in arrivo o in partenza. Un trionfo contenuto, ‘na cosetta così, pe’ corpa der covidde, che, quantomeno, avrebbe scrollato via dagli eroi stanchezza e sonno. Ma sì, andava bene pure il pareggio. Quel secondo tempo ha rovinato tutto, ha mandato in frantumi il sogno che era già a portata di mano.                                                                                                                                 

Di cosa vuoi parlare quando al triplice fischio ti ritrovi con sei goal nel sacco: tattica? Tecnica? Condizione psico-fisica? Sfortuna? Ma va’, è già da tempo che questa squadra si barcamena sbandando, naviga a vista incontrando scogli e fondali bassi, nebbie e burrasche che non le danno tregua, enormi marosi che la sballottano senza pietà. Se poi il comandante dice di conoscere quel mare ma in realtà non sa nemmeno dove sia capitato, allora la spedizione è destinata al fallimento. D’accordo, le tre sostituzioni hanno obbligato il tecnico a cambiare modulo e assetto in corsa già dopo pochi minuti, ma sei andato all’intervallo che l’avevi sfangata, il porto era a poche miglia, serviva solo evitare la bassa marea che stava arrivando velocemente. È quella, la bassa marea, che ad un certo punto ha fatto incagliare la nave, e allora addio sbarco trionfale miserino a Fiumicino.

E poi, a bassa marea arrivata, ecco che spuntano grosse falle nella struttura del vascello, che non si sa come l’imbarcazione non sia già affondata da mò. Come fai a navigare se non hai pezzi di ricambio? Meglio restare lì e non muoversi fino al ritorno dell’alta marea, magari trascorrendo il tempo guardando le stelle, cercandone una buona, e, a luce fatta, ammirare la meravigliosa policromia regalata dallo svolazzare degli uccelli o la velocità supersonica del falco pellegrino, se mai dovesse capitare in quei cieli.

Però, queste disavventure servono a guardare dentro se stessi, a riflettere sulle scelte, ‘dove ho sbagliato?’, ‘dove abbiamo sbagliato?’, invece di menare il solito ritornello della sfortuna o del ‘non mi hanno capito’, dell’arbitro ‘che non ha visto’ o di altre amenità.

Aiutano, le disavventure, a, finalmente!, capire quali siano i nostri limiti, a fermarti quando devi fermarti, a sbarrare la porta di casa prima che arrivi l’uragano, ad accontentarti di quello che hai, poi pensiamo al ritorno.                                                     

Ora, qui all’Olimpico, è importante non entrare rassegnati a prenderne altri sei o sette, che ormai ci si è fatto il callo, ma essendo sicuri di fargliene quattro, meglio cinque, senza prenderne. Non è poi così difficile. Basta crederci.                                                                                                                                          

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE